Quick Commerce

Q

Il quick commerce (o q-commerce) è la nuova generazione dell’e-commerce e, come suggerisce il nome, si occupa di consegne veloci.

Ciao sono Francesco Massimo Gallo, ingegnere informatico, e dal 2012 sono Responsabile Logistica in una importante azienda della Grande Distribuzione Organizzata.

Il mio lavoro è diventata la mia passione, e per questo motivo ho deciso di condividerla con te!

Il quick commerce è un servizio di consegna espressa, per ordini di qualsiasi tipologia di prodotti, entro il tempo massimo di un’ora.

 

Quick Commerce
Auto foto creata da kjpargeter – it.freepik.com

 

In pratica, il quick commerce nasce dalla collaborazione dei punti vendita classici con le moderne organizzazioni per la consegna veloce su due ruote. Le nuove organizzazioni, come Deliveroo, stanno chiudendo accordi con venditori dei settori più disparati, per offrire un servizio di consegna veloce al cliente.

Come si vede in questa tabella, il quick commerce è la terza generazione del commercio.

Evoluzione dell'ecommerce
fonte: Delivery Hero

 

📈 La storia del quick commerce

Il commercio tradizionale prima dell’ecommerce era arrivato ad un livello abbastanza maturo con una capillarità di negozi, centri commerciali e superstore diffusi in tutto il mondo occidentale.

Ogni cliente può recarsi con la propria auto presso il punto vendita, prepararsi la spesa in modalità self-service dagli scaffali, e recarsi alla cassa per pagare e portarsi i beni a casa.

Il passaggio successivo, dalla fine degli anni novanta è stata la nascita degli e-commerce e delle consegne a domicilio. In questo caso, il cliente effettua l’ordine direttamente da casa propria e la consegna sarà effettuata nei giorni successivi con un furgone da parte dei corrieri.

Solitamente queste due tipologie di commercio vengono usate da famiglie composte da tre o quattro persone, con un occhio particolare a trovare gli articoli con il prezzo più basso.

Nel caso del quick commerce, il focus maggiore è legato alle tempistiche e non al prezzo.

Rispetto alle tipologie viste sopra, il quick commerce ha un assortimento limitato, per due motivi principali:

  • le consegne vengono effettuate per lo più da rider con mezzi a due ruote (biciclette o motorini), e non possono trasportare oggetti non idonei al trasporto con questi mezzi.
  • gli ordini vengono elaborati in negozi di prossimità, per lo più di piccole dimensioni, i quali non dispongono di un assortimento come i super store o i negozi online.

Visto un pò di storia del quick commerce, andiamo a vedere quali servizi offre al momento il quick commerce.

🏪 Servizi offerti dal quick commerce

Le aziende che offrono quindi servizi di quick commerce, come Deliveroo, Glovo e altre stanno facendo accordi con i negozi di quartiere, più vicini alle famiglie per offrire il loro servizio nei centri abitati, e quindi garantire le consegne in tempi brevissimi, a volte entro la mezz’ora.

Di seguito alcune categorie di negozi che già aderiscono all’iniziativa:

  • negozi di generi alimentari
  • ristorazione
  • ferramenta
  • negozi abbigliamento
  • farmacie
  • negozi di articoli per la casa
  • negozi di articoli per la cura della persona
  • farmacie

Per rendere più facile effettuare le consegne veloci, alcune catene stanno costruendo dei dark store nei pressi dei centri abitati. Lo stesso succede per la ristorazione, e quindi nasceranno le dark kitchen. In entrambi i casi, l’ordine arriverà tramite internet, senza necessità di essere aperti al pubblico.

🚀 Quanto è veloce il quick commerce?

Il quick commerce è davvero quick? Come si evince in questa didascalia di deliveryhero.com, il ciclo di vita di un ordine deve concludersi entro 60 minuti dal momento in cui il cliente cerca il prodotto fino a quando il cliente riceve il prodotto nel luogo da lui scelto.

Vediamo i passaggi nel dettaglio:

  • il cliente effettua la ricerca sul sito/app
    il sito deve mostrare solo gli articoli disponibili alla consegna veloce
  • il cliente conferma l’ordine
    l’ordine arriva in tempo reale al negozio e contemporaneamente arriva una notifica al rider più vicino
  • il negozio riceve l’ordine
    la merce viene preparata in apposito contenitore per il trasporto con bicicletta
  • la consegna parte dal negozio
    il rider preleva il pacco dal negozio e si reca presso il luogo scelto dal cliente
  • il pacco arriva al cliente
    il cliente riceve il pacco direttamente dalle mani del rider
Velocità Quick Commerce
fonte: Delivery Hero

 

Il servizio che gestisce gli ordini (app/sito) deve gestire bene la geolocalizzazione del cliente e mostrare le opportunità di acquisto relativa ai negozi che riescano ad offrire questo tipo di servizio.

🔮 Il futuro del quick commerce

Il futuro del q-commerce sembra brillante per i motivi indicati fino ad ora.

I settori di sviluppo sono svariati, si potrebbe passare dalla consegna di articoli di prima necessità come il cibo a oggetti ultra speciali come le automobili a noleggio.

Il q-commerce si sta diffondendo rapidamente indipendentemente dal mercato o dal segmento di prodotto.

Il q-commerce, almeno nelle grandi aree metropolitane, potrebbe cambiare l’intero panorama del consumismo commerciale in modo rapido e permanente.

👋🏻 Conclusioni

Se pensiamo al mondo di internet, potremmo paragonarlo al mondo delle industrie automobilistiche di inizio 900: c’era grande fervore e si è sviluppato in intero mondo intorno ai motori, auto, moto, autostrade, camion, superstrade ed ancora si sta espandendo con le auto elettrice e così via.

Internet offre le stesse possibilità, se non ancora più ampie, ad un pubblico più ampio, e quindi le possibilità di crescita del quick commerce, e del commercio elettronico sono ancora inesplorate e potremmo aspettarci interessanti novità nel futuro.

Ho dedicato molto tempo per la scrittura di questo articolo, e ti ringrazio di averlo letto fino in fondo.

Se vuoi restare aggiornato su questi argomenti di Logistica & Trasporti, ti invito a seguire anche la mia pagina instagram @logisticait ed iscriverti alla newsletter.

Grazie,

Francesco

 

 

 

Sull'autore

Francesco Gallo

Ingegnere informatico, responsabile logistica in una importante azienda della GDO dal 2012.

Lascia un commento

Francesco Gallo

Ingegnere informatico, responsabile logistica in una importante azienda della GDO dal 2012.

Restiamo in contatto

Sfruttiamo insieme la community per far crescere le nostre idee, aiutare il business e sentici meglio!

Iscriviti alla Newsletter